GAME OF THRONES - Emilia Clarke commenta la morte di [SPOILER]

Emilia Clarke, in un’intervista a EW, ha commentato la clamorosa morte che ha caratterizzato la penultima puntata di Game of Thrones.

Purtroppo è successo: Daenerys Targaryen ha perso uno dei suoi figli. La morte di Viserion, uno dei draghi, è stato il costo che si è dovuto pagare per la missione di Jon Snow.

Il drago, colpito da una lancia scagliata dal Re della Notte, è morto poco dopo il colpo. Ebbene sì, i draghi alla fine non sono così invincibili come sembrano.
Ma c’è un fattore molto più preoccupante della morte stessa di Viserion: Il Re della Notte ha “resuscitato” il drago, aggiungendolo al suo numeroso esercito.
Emilia Clarke commenta: "È stato un colpo al cuore. Non solo perderlo ma sapere che ora sarà dall'altro lato".

L'attrice, inoltre, ammette che ha trovato divertente che di tutti i draghi, quello scelto per "unirsi" all'esercito degli Estranei, sia quello con il nome di suo fratello Viserys, il più vizioso: "Era l'uovo marcio, naturalmente si sarebbe trasformato".
Tuttavia, bisogna ricordare che la guerra è iniziata e che Daenerys deve cominciare a compiere scelte difficili, come quella di arrostire i Tarly. 
A questo proposito Emilia dice: "L’aggressività e la violenza non sono tipiche di Daenerys. Ha sempre esercitato la pazienza e inoltre ha questa qualità di salvatrice, ma adesso è in gioco e le regole sono tutt'altro che facili ".

E voi che ne pensate della morte di Viserion?
Fonte: EW
Un saluto alle affiliate:

Collabora con noi!
Stiamo cercando autori per news e recensioni di The X-Files, Shadowhunters, The Flash, Supergirl, Hawaii Five-O, Homeland, Empire, House of Cards, Mr. Robot, The Deuce, How To Get Away With Murder, IZombie, Luther, Scandal, This Is Us.

Inoltre newsers per The Originals, The Handmaid’s Tale e Narcos.
È richiesta un'ottima conoscenza della lingua italiana e una buona conoscenza della lingua inglese.
SCRIVETECI! contatti@lostinaflashforward.it


Non perdere neanche una notizia! Seguici su Facebook e Twitter.
Condividi su Google Plus

Articolo di Ceci

Posta un commento